Colonna-Samorì tra arte e cibo

LA PORTA ROSSA DI ANTONELLO COLONNA APRE A NICOLA SAMORI’ – #SHOWOUT4

Il 20 novembre, nell’Antonello Colonna Resort di Labico, si è inaugurato il quarto appuntamento della serie “SHOWOUT” con una mostra di 6 opere di Nicola Samorì, che va a consolidare il progetto dello Chef di valorizzare e promuovere il rapporto tra arte e cibo in tutti i suoi ristoranti.

Dopo l’apertura della Quadriennale al Palazzo delle Esposizioni nell’Open Colonna che ha ospitato la serata inaugurale, dopo l’inaugurazione dell’OpenBistrò nell’Aeroporto di Fiumicino con la mostra fotografica di Marco Delogu, nel Resort di Labico i quadri di Elisa Montessori lasciano spazio ad un artista i cui lavori sono caratterizzati da una forte intensità.

Molte delle mostre d’arte ospitate da Antonello Colonna sono curate dalla Galleria Monitor di Roma di Paola Capata, che ha finora saputo interpretare la filosofia e il carattere dello Chef traducendolo in opere di artisti sempre diversi tra loro.

ARTE E CIBO dunque, sono i concetti che Chef Colonna (che ha visto confermate ancora le stelle Michelin per due dei suoi ristoranti) fa gustare ai suoi clienti creando intense esperienze sensoriali di vario tipo: attraverso prodotti di qualità, materie prime, piatti costruiti e pensati come opere d’arte, attraverso il design degli interni, le architetture, i paesaggi, la terra, i libri, la letteratura e la storia che adornano, e costituiscono i suoi ristoranti.

croppi-monitor

LA MOSTRA

Nicola Samorì, Forlì 1977, è un artista ormai molto apprezzato in Italia e in Europa, ha opere esposte in tutta Europa e possiamo trovare un suo lavoro attualmente anche nella 16a Quadriennale del Palazzo delle Esposizioni a Roma.

Riuscendo a combinare, in maniera magistrale, una forte intensità ispirata all’estetica teatrale dell’arte rinascimentale e barocca con la perdita di controllo dell’Informale, le composizioni pittoriche di Samorì, così come le sculture, documentano la persistenza di un’impronta inattuale nel contemporaneo. L’artista ha, infatti, sviluppato un modo del tutto personale di relazionarsi con il corpo del Museo: manipola la sintassi di un vastissimo repertorio di opere e, nel momento in cui sembra saggiarne l’insostenibilità, ne testimonia al contempo la vulnerabilità, sabotandone i codici con incursioni ingombranti oppure con spostamenti minimi. Ciascuna delle sue composizioni è segnata da una cerimonia di sistematica decostruzione, un dispositivo in grado di mettere in crisi nel minor tempo possibile la mano accademica.

Il corpo dei lavori in mostra, realizzati appositamente per la galleria dell’Antonello Colonna Resort a Labico, presenta al contempo il sapiente e rigoroso lavoro di composizione e la varietà delle tecniche e dei materiali messi in campo dall’artista per ottenere opere dotate di lirismo e intensità. La scultura in marmo che si compone di innesti di bolle d’aria e ‘fughe’ di materia, dialoga con un lavoro su rame, illuminando il contesto, mentre i lavori di grande formato, un affresco – tecnica di recente utilizzata dall’artista – e il dipinto a olio su lino dominano con eleganza la scena.

samori

affresco-samori-2

gallery

Per questa occasione l’apertura della mostra è stata accompagnata da una conversazione fra l’artista e lo storico dell’arte Simone Ciglia, tra i curatori della 16° Quadriennale di Roma tutt’ora in corso.

samori-ciglia

La serie SHOWOUT che si tiene nella splendida cornice dell’Antonello Colonna Resort&spa di Labico fino all’8 gennaio 2017, coniuga la ricerca culinaria dello chef Colonna con l’arte, attraverso le personali di quattro artisti che sono parte fondamentale del programma di Monitor per la stagione espositiva 2015-2016.

Per info su prezzi e disponibilità delle opere, contattare la segreteria di Monitor.